RIFF Movies Archive

BAGLIORI DI AVAMSPETTACOLO



Italy, 2013, 16:9 - Black and White - 6 settimane

DIRECTED BY:
Patrizia Masi

CAST:
MIMMO APPETITI - ANTONIA PETRANGELI - BENEDETTO PALOMBO - SABRINA MARENZI -MICHELA TOTINO - MADDALENA FIERRO - ANTONELLA CAPPUCCI -PATRIZIA MASI - MAURO CURSI - MARIA ELENA BERNUY - DONATINA PERSICHETTI - BENEDETTO TALIENTO - LUCA MARIANI - MARCELLO DI

SCREENPLAY:
Patrizia Masi

PHOTOGRAPHY:
Renato Mariani

EDITING:
Renato mariani

MUSIC:
vari

SOUND:
Renato mariani

PRODUCER:
Patrizia Masi

PRODUCTION:
Bolero

WORLD SALES:
Bolero

STORY DESCRIPTION:

BAGLIORI D'AVANSPETTACOLO vita morte miracoli di una compagnia di provincia di Patrizia Masi1939–1945. E’ la storia grottesca e malinconica di una Compagnia di scavalcamontagne affamati, che rappresenta un’Italia tra lo scoppio della seconda guerra mondiale e la Liberazione. Uno squarcio di un’epoca vissuta attraverso i ricordi di un Capocomico ormai anziano che ogni giorno, come un rito, celebra i preparativi di un immaginario debutto. Uno spaccato della squallida realtà dei teatrini di provincia, le scalcinate rappresentazioni, la fame, le bombe, il fuggi-fuggi generale. Il dramma della guerra che non riesce a violare la realtà fantastica di cartapesta del Teatro. Il capocomico, un visionario che sapeva vivere solo di spettacolini, facendo il verso alle grandi riviste piumate, era un assiduo frequentatore di una casa di tolleranza. Lasciandosi irretire da alcune donnine segnate dagli stenti, le porta con sé a fare il teatro. Soubrettine spampanate che si contendono il primato, volendo conquistare il pubblico ingenuo e stupito di soldati, marinai, galline, e contadini, con le loro grazie fisiche. Splendori e miserie dell'Avanspettacolo, in cui spiccano i singoli personaggi con la loro vera personalità e le loro angosce. Un piccolo mondo antico, costruito sull’ingenuità, impastato di illusioni, di fallimenti, di bisogni urgenti, di desideri, e di bassi istinti che animano i pochi veri momenti privati. Una Compagnia in cui ognuno s’appartiene, più che una famiglia, dove anche l’intimità è condivisa, e i destini s’intrecciano e paiono esser dipinti anch’essi su sbiaditi fondali sentimentali. La vita di ogni artista è ripiegata nei bauli e aspetta solo d’esser indossata come s’indossa un costume.Il Corto è fatto come la sequenza di un film muto. Una serie di ciak di una pellicola solarizzata, frammenti che hanno preso troppa luce, istantanee bruciacchiate dalla luce. Non ci saranno battute, ma solo azioni “sognanti”, ricordi come colombe che volano tra le quinte di un teatrino dismesso, polveroso. Una metafora dell’Avanspettacolo, cuore pulsante di segreti, miracoli, sogni semplici di quegli anni sgualciti, consumati dalla guerra. Non bisogna accanirsi nel capire ma tentar di sentire, con abbandono. Niente esiste, tutto si immagina.Vi racconto il nostro Corto muto.dopo un lungo sonno, si riaffiora lavati dal passato. abbiamo sognato. a lungo. sogni bellissimi. il profumo dell'Avanspettacolo circola, si fa immagine, epifania di istanti felici. i ricordi del Capocomico sono paesi, paesi che passano come vagoni in corsa, paesi di cui non ricorda più il nome, febbricitanti soubrettine-orchestrine … giù in platea starnazzanti galline. Alberghi, locande, paesini, casini, colonnelli… ACHTUNG! urla, bombe, cannoni, canzoni , torpedoni… amori, languori, batticuori, fiati, piume, carezze, stazioni.... sigarette al mentolo e il fumo di un sigaro cubano per intravedere frammenti d'avvenire. Commendato', c'è niente per me ? ... per il tram, solo poche lire! fame-fame-fame, tutte le fami del mondo! sopportare d'essere uomini e annegare in un sorso le occasioni perdute. "bei tempi di baldoria, dolce felicità fatta di niente …" assi, scricchiolii, gemiti, aerei-contraerei - anche i morti mettevan le ali ... fanfare! ammiccare, ritoccare, qui c'è il giullare, tocca abbozzare ... dobbiamo andare ... anche il più miserabile degli artisti era un fuoriclasse. luccichii, cosce-coscione-bambinone, fischi, odori, fetori, primi-attori, riflettori e rabbia ... "fior de gaggìa/quando canto io canto con allegria/e se io dico tutto ... rovino sta Compagnia ..." torpedoni, passiamo impettiti in mezzo ai detriti e il cuore in petto che salta come un tappo ... AVANTI AVANTI! carrettelle, un bouquet di campanelle pour madame ..... mammamia meglio un cartoccio di frittelle! qua non se batte un chiodo! bimbe belle facciamo all'amore! sudati inzuppati. ah, dotto', se so' infrociati du carrarmati! soldati-soldati-soldati (ma che so' tedeschi inglesi o americani? manco a li cani!) muri scrostati, destini come sipari strappati, orizzonti rosicchiati... calze, elastici, pedalini, camerini, lustrini ... de chi so' sti bambini?! aho, stasera c'è il signor sindaco d'Ariccia! daje! e noi je diremo "prima il rigatone e dopo ... la salsiccia!! fatece largo che passamo noi... voci, spari, sirene ... improvvisare un lampo di felicità! bacibacibaci mendaci.. anche il più miserabile degli artisti è un fuoriclasse! fuori c'è un manto di stelle! e allora magie, nostalgie, bugie ... polvere-polvere-polvere, fame, battute, valige, nebbie, stupori, malori, stridori. chi è di scena! fuori fuori fuori!!!! applausi... Commossi noi, commosso il pubblico e commosso il lavandino che perde e pare che batta il tempo … caffè, chi vuole un poco di caffè? si riparte: letti sfatti, sciacquoni, torpedoni, copioni, cicche, specchi, ceroni … parole smozzicate ribalte diroccate ... quanto, una piccola macchina a rate? risate-risate-risate... americani, partigiani battimani ... Glenn Miller alla radio. liberi! liberi noi, liberi tutti! rotaie che cantano, si rincorrono, come le fortune e le lune, si perdono tra i campi d’estate ... la vita si condensa in piccoli bagliori e sogni in cui - come dice Becket - le parole vanno a dormire. Tu solamente tu non ritorni più per riposar sopra il mio cuor ci siamo riappropriati della densità dei sogni. in uno stato di veglia oggi, 30 ottobre 2013, l'Avanspettacolo “scappa” da uno specchio, dall’immagine riflessa di un gesto, di un dito puntato altrove, dagli occhi appannati-bistrati di un capocomico appassito nell’oblio … uni tenero racconto di quei tempi, un mosaico di follie, che qualcuno ha raccolto e tradotto in teneri frammenti di note, di poesia e di teatralità.Patrizia Masi
DIRECTOR BIOGRAPHICAL NOTE:

PATRIZIA MASI: attrice, doppiatrice, soggettista, sceneggiatrice, regista. Liceo classico Zucchi, Università Statale di Milano, Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico. Dal 1975 ad oggi lavora in Teatro come attrice Dal 1978 al 1994 è doppiatrice Dal 1992 è regista teatrale e televisiva 1975/1995 lavora in RAI come attrice autrice e regista. Ha ideato e curato programmi radiofonici e televisivi, documentari, sceneggiati, commedie, radiodrammi. Ha scritto soggetti e sceneggiature per la televisione, racconti, parole per sigle radiofoniche e televisive. Ha ideato trasmissioni giornalistiche, programmi culturali e documentari. Nel 2003 fonda la Compagnia Teatrale Bolero, di cui è direttore artistico e regista. Nel 1998 fonda l’Associazione culturale Bolero per la convivenza, la ricerca, la promozione della cultura dei popoli. Ne è la Presidente. Nel 1987 scrive il soggetto e la sceneggiatura del film Bachi da seta e ne è protagonista Nel 2008 scrive il soggetto e la sceneggiatura del docu-film Le Grand Cafè des Voyageurs Dal 1992 è socio fondatore della OLP-Organizzazione Lupi Production S.r.L Produce e realizza spettacoli, eventi, mostre, concerti, manifestazioni, rassegne, documentari, premi letterari, pubblicità, Dal 1990 iscritta alla SIAE – Società Italiana Autori Editori – alla sezione D.O.R. e O.L.A.F. Dal 2003 è Socio Onorario dell’Unione Nazionale Scrittori e Artisti Italiani. Dal 1987 tiene corsi di recitazione, dizione, educazione della voce.Patrizia Masi Via Giulio Pasquati 15 00139 Roma Recapiti telefonici: 06/87247815 – 338.8626261 e-mail: noidibolero@hotmail.com http://noidibolero.wix.com/noidibolero www.asscultbolero.com www.senzanullapretendere.jimdo.com

RICERCA FILM

GENRE
ORIGINAL TITLE
DIRECTOR
COUNTRY
YEAR

   
NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter - Subscribe to our newsletter.

Programma PDF

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com